Il necessario distanziamento imposto dalla pandemia da Covid-19 ha condannato il settore dello spettacolo ad uno stop a tempo indeterminato.

Un’altra attività produttiva del territorio va in crisi e l’assenza di certezze o programmi a livello istituzionale in merito alla ripartenza e alle sue modalità, mette a rischio centinaia di operatori.

Ma gli addetti ai lavori non stanno a guardare ed elaborano proposte concrete.

Ne abbiamo parlato con Nico Ferri dell’associazione Multietnica, direttore di Open Sound Festival e Pollino Music Festival e del centro per la creatività Cecilia di Tito (PZ) e con Antonio Viggiani e Carlo Iuorno, imprenditori nel settore dei service audio e luci.

Ultime News

Write a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *