Maschere in Cartapesta raffiguranti il caprone (fonte: www.stigliano.net)

Maschere in cartapesta raffiguranti il caprone (fonte: www.stigliano.net)

Un lento e paziente lavoro di ricerca e raccolta di informazioni orali ha dato modo alla comunità di Stigliano, paese della Montagna Materana” di riappropriarsi di  ormai dimenticati personaggi del carnevale.

La “Spiga” e il “caprone” sembravano ormai relegati solo nella memoria di alcuni anziani e destinati a perdersi definitivamente al momento della loro scomparsa.

Un lavoro di raccolta di testimonianze e ricordi ha permesso che questo patrimonio della cultura rurale non andasse disperso.

Dai racconti di contadini e anziani della comunità di Stigliano sono state realizzate due figure che hanno una forte  connotazione simbolica, legate alla cultura agropastorale del territorio:  la Spéichə e lə Zœmmərə , la spiga e il caprone.

Nei prossimi carnevali questi due maschere si aggiungeranno al variegato mondo del carnevale antropologico che in Basilicata sta ritornando ad assumere connotati sempre più importanti e densi.

Non è un  ritorno al Carnevale agropastorale , società non è più esistente  e quindi priva  dei significati mitici, sacri e simbolici che erano nello spirito del tempo ma è un riappropriarsi una memoria e riproporre  il ricordo del mito che sopravvive e si rigenera con altre funzioni legate ai giorni contemporanei.

 

Ultime News

Write a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *