COM’ERA POTENZA?

in un libro edito Typimedia le foto dal 1857 al 1950
Un carro armato canadese in piazza Sedile

Novant’anni di storia di Potenza rivivono grazie a tante belle foto tratte dagli archivi delle famiglie cittadine e raccolte nel volume “Come eravamo. Potenza 1857-1950”, a cura di Antonietta Mente, edito da Typimedia, disponibile in libreria, in edicola e sullo store di typimediaeditore.

Con un excursus che parte dall’anno in cui un devastante terremoto colpì il capoluogo lucano, il primo ad essere immortalato in immagini, il volume approda al secondo dopoguerra attraverso 200 scatti in bianco e nero, recuperati tra archivi di famiglia e diverse fonti storiche della città: musei, biblioteche, parrocchie, attività commerciali e collezionisti.

Grazie a questo libro si riscopre, ad esempio, l’antica fisionomia dei quartieri e il suo mutamento negli anni – da via Pretoria a via del Popolo, da Santa Maria al borgo di San Rocco – ma si rievocano anche le usanze e le tradizioni dei potentini, tra l’insurrezione lucana, il brigantaggio post-unitario, due conflitti mondiali, e le ferite dell’emigrazione e dell’analfabetismo.

Oltre al lavoro di ricucitura storica della curatrice, in “Come eravamo. Potenza 1857-1950”, i contributi speciali e gli approfondimenti di personalità di spicco del mondo culturale e istituzionale di Potenza, da Rocco Galasso a Giancarlo Filiani, da Gerardo Bellettieri a Lorenza Colicigno, fino al sindaco Mario Guarente.

Approda così in Basilicata un format editoriale che Typimedia ha ampiamente sperimentato, con enorme successo, su Roma e si aggiunge un tassello al mosaico di pubblicazioni sulla regione già disponibili nel catalogo dell’editore.